Gigabyte di Watt!!!! {updated @ 15/05/09, 1.07}

Da quando l’ho sentito in questo video non ho smesso di ridere:

[youtube]-UwbgfAx-Xc[/youtube]

Andate a 1:00 e potrete ascoltare con le vostre orecchie Rosario Marcianò renderci edotti delle sue incredibili conoscenze di radiotrasmissioni con queste perle che vado ad elencare:

…onde ELF ed ULF, ovvero onde estremamente alte ed onde estremamente basse…

ma soprattutto i MITICI

…Gigabyte di watt

Chiarimento d’obbligo. ELF in quest’accezione è l’acronimo di extremely low frequency ed indica, nella designazione ITU, la banda di frequenze radio compresa tra 3 e 30 Hz. (i link puntano a Wikipedia); ULF è l’acronimo di Ultra low frequency ed indica, nella designazione ITU, la parte dello spettro delle onde radio compresa tra 300 e 3000 Hz. Sostanzialmente quindi si tratta in entrambi i casi di onde a frequenza decisamente BASSA (3-3000 Hz).

Rosarione sta parlando del progetto H.A.A.R.P., che nella sua visione completamente alterata del mondo dovrebbe servire a cose molto brutte™, dall’alterare il clima a leggere nel pensiero (non so, le cambia ogni volta). H.A.A.R.P. in realtà è un progetto per lo studio della ionosfera, e tra parentesi non usa nè ELF nè ULF ma emette onde a frequenze nell’ordine dei Mhz. Se siete curiosi potete leggere le relative FAQ.

Inutile spiegare l’assurdità di dire una cosa tipo “gigabyte di watt”, che significa mescolare due unità di misura totalmente differenti, sarebbe come dire “chilogrammi di metri” oppure, ancora meglio “mele di banane”.

Se poi uno che dice queste castronerie si autodefinisce “esperto informatico” beh… non depone molto a favore della sua credibilità.

E, come se non bastasse decide di cancellare le tracce della figuraccia, producendo l’ennesimo videotarocco, come fa notare Axlman.

[vimeo]4621713[/vimeo]

E ora aspettiamo la risposta dell’immancabile Arturo.