Dream Theater – “Black Clouds & Silver Linings”

E finalmente, dopo una lunghissima attesa (ovviamente colpa delle Poste Italiane) posso mettere le zampe sul nuovo lavoro dei DT.

Devo dire che è un piacevolissimo ritorno alle origini: il sound e lo stile dei pezzi s’avvicina moltissimo alle loro pietre miliari: Awake e Images and Words. Con qualche escursione in un suono terribilmente hair metal anni ’80: devono aver ricomprato le attrezzature usate dai Def Leppard!

Più in dettaglio i singoli pezzi… Devo dire che la prima traccia, A nightmare to remember non mi piace particolarmente: molto Dream Theater, senz’altro, ma non ci sono momenti particolarmente degni di nota. Forse è un tantino troppo lunga.

A rite of passage invece va molto meglio, come stile lo metterei a metà tra Train of Thought e Octavarium, e forse è il pezzo che preferisco del CD
Whiter è in pieno nello “stile Awake”, nient’altro di particolare da dire.

The shattered Fortress fa parte della lunga serie di pezzi dedicati all’alcolismo, tema molto caro a Portnoy, ex-alcolista. Molto molto bello.

The best of times parte lenta, stile Hollow years, e poi sembra essere presa direttamente dai pezzi scartati di When dream and day unite, il primo lavoro della band. Favolosa.

Infine, The Count of Tuscany ci fa finire direttamente nel mood di Scenes from a Memory, anche se inizia come un pezzo dei già citati Def Leppard.

E questo per il primo dei tre CD nel box.

Gli altri due contengono una serie di pregevolissime cover, dai Queen ai King Crimson, passando per gli Iron Maiden e i Rainbow ed i remix strumentali dei pezzi cantati nuovi.

In definitiva tre ottimi CD, un grandissimo lavoro e una piacevole ripresa del “vecchio stile”.

2 thoughts on “Dream Theater – “Black Clouds & Silver Linings”

  1. vinpe75 says:

    Io l’ho acquistato a MW a 19.90 versione 3CD il 19/06/2009, non capisco perchè degrinare le poste cinque anni fà allora cosa dovevi dire!!!

    1. genxha says:

      Denigro le poste eccome! 12 giorni per un pacchetto dall’Inghilterra mi sembrano un pò troppi.

Comments are closed.