Vecchie castronerie (a coppie di due)

Straker non sa veramente più di cosa parlare, quindi ricicla un articolo che gira da almeno tre o quattro anni tra i complottisti, ovviamente farlocca, a proposito di una esercitazione militare che ha “intasato” di chaff (dispositivi di cotromisure elettroniche) i cieli tedeschi e olantesi. Lo trovate spiegato qui: http://sciechimichenote.blogspot.com/2009/07/il-tarocco-della-tv-tedesca.html

Ovviamente per evitare che i gonzi i lettori del blog si accorgano del riciclo fa sparire tutti i nomi e scrive ulteriori idiozie, tipo:

Le particelle darebbero una falsa eco sui sistemi radar, rivelandosi una perfetta copertura per gli aerei su un campo di battaglia. Questo programma chiamato CHAFF è ancora utilizzato nei cieli statunitensi, senza alcuna vera spiegazione sul perché.

Già: il misterioso “programma chiamato CHAFF è ancora utilizzato”. Peccato che i chaff siano dei dispositivi (generalmente striscioline di carta stagnola o mylar) che gli aerei militari in attacco o manovre evasive spandono allo scopo di distrarre i missili a guida radar. La frase di Straker darebbe ad intendere che si tratti di un segretissimo progetto di ricerca anche perchè “nessuno dà una vera spiegazione”. Che poi parla di particelle, ed usa il condizionale.

from wikipedia
from wikipedia

E poi:

Ora, questo tipo di intervento nella nostra stratosfera è stato applicato alla geo-ingegneria,

Si, Rosario, gli aerei militari fanno esercitazioni nella stratosfera. E mio nonno aveva “la pertegheta”, quindi era un tram. E ovviamente ci tiriamo dentro anche la geo-ingengeria, così Google Alert manda il post ad Arturo.

Ridicolo.

Come se non bastasse si procede con le citazioni di “mio cuggino”:

In Germania, un meteorologo ha citato in giudizio i militari per le scie chimiche che egli ha ripetutamente registrato sul radar…

UN meterologo. A caso. Ma i meteorologi non erano parte del complotto? Perchè autodenunciarsi?

Ridicolo.

Negli Stati Uniti un testimone in Arkansas riportò il passaggio di aerei che rilasciavano scie nel cielo e raccolse in seguito un campione di particelle che fluttuavano in aria. Diede il campione ad un’agenzia di stampa che l’analizzò ed i risultati mostrarono livelli insolitamente elevati di bario.

Ancora, Rosario la stessa tecnica in due paragrafi di seguito!
Un testimone. Stavolta non a caso caso, ma uno in Arkansas, attenzione, mica a Cologno Monzese! E poi come ha fatto a raccogliere le particelle se fluttuavano in aria? Come se non bastasse, com’è che una agenzia di stampa (naturalmente una a caso, non una specifica) analizza le particelle? Cioè… è come se un’agenzia di pubblicità mi vendesse il prosciutto!

Sempre più ridicolo!

E infine, tutto ‘sto casino, milioni di dollari, gigabyte di watt (ehm…) eccetera eccetera per:

L’aspetto di fondo è che la geo-ingegneria potrebbe non funzionare come previsto, comportando ingenti conseguenze impreviste sui sistemi climatici…

Fare una cosa che non funziona come previsto e quindi non serve a niente? Ma la geo-ingegneria non era quella cosa orribile che mutava il clima a comando? Non c’è forse scritto e nel medesimo articolo, Rosario… rileggi quando fai copia-incolla, che i Cinesi l’usarono durante le Olimpiadi del 2008?

…geo-ingegneria, sotto forma di modificazioni climatiche. L’evento più pubblicizzato è stato quello delle Olimpiadi del 2008, quando i Cinesi usarono prodotti chimici per il controllo delle precipitazioni a Pechino.

Insomma, Rosario, sei proprio messo male se non riesci nemmeno a trovare delle castronerie nuove.

Ah, se volete leggerle live: http://www.tankerenemy.com/2009/09/modificazione-climatica-scie-chimiche-e.html