WoW Cataclysm

Alla fine è uscito. Dopo i problemi (apparentemente risolti) della patch che aggiornava il client per l’uscita dell’ultima espansione la Blizzard ha finalmente pubblicato i nuovi contenuti di WoW.

Devo ammettere che alla Blizz hanno fatto un ottimo lavoro, ascoltando i numerosi suggerimenti e le lamentele dei giocatori, migliorando le parti esistenti e integrandone di nuove per l’espansione. Alcune zone erano ritentute “noiose” da molti giocatori, così approfittando del “cataclisma” che dà il titolo all’espansione sono state completamente riprogettate e, si spera, migliorate.

Le novità sono molte, il “solito” nuovo continente tutto da esplorare, ma soprattutto due nuove razze, Goblin (per l’Orda) e Worgen (per l’Alleanza). Ovviamente le ho provate entrambe e devo dire che la prima impressione è a favore dei “verdini”, se non altro perchè sono simpatici :D.
Non voglio dire di più per non rovinare la sorpresa a chi non ha ancora giocato, ovviamente.

Ho apprezzato molto il sistema “preparatorio” iniziale, con una serie di quest semplici per impratichirsi coi comandi e l’interfaccia, inframmezzate da intermezzi “narrativi” animati per arrivare infine al gioco vero e proprio intorno al livello 10.

Un’altro piacevole cambiamento è dato dagli spostamenti, almeno nei primi 15 livelli. Prima si era costretti a spostarsi a piedi quasi inutilmente per seguire una catena di quest che si svolgevano in punti abbastanza lontani del “mondo”. La cosa, specie all’inizio diventava noiosa, senza contare il rischio che il personaggio venisse ucciso da qualche mostro di passaggio. Ora, se la distanza è particolarmente lunga, il personaggio che assegna la missione fornisce anche un trasporto rapido al passaggio successivo. La cosa bella è che, diversamente da quel che avviene col tradiozionale sistema di volo, attraversando locazioni sconosciute si guadagna l’esperienza relativa all’esplorazione. 

Per ora mi fermo qui, in attesa di giocarci un altro pò.